24 ottobre 2015

Il blog si risveglia.

Tofy si risveglia ed anche il mio blog!!!!




14 ottobre 2015

Sempre oltre.

Ada la grande.

4 maggio 2015

Voglia di novità.

Oggi grande emozione. 
Domani grande fifa. 
VOGLIO ANCORA VOLARE ALTO con un'ala nuova.


15 aprile 2015

12 aprile 2015



Grande Madre terra fonte di vita.




Come la Grande Madre Terra genera e custodisce, così la donna si fa gratuitamente terra da abitare, dono di sé, affinché la creazione si perpetui. La donna è inizio generativo, possibilità sempre aperta ai molteplici segni del mondo, custode paziente dell’inquietudine, icona della relazione. In lei si radica da sempre il vivo senso della cura, della feconda tenerezza con cui ospita volti e cose, della dolorosa pazienza con cui attende vita e ridona vita. Nella pienezza del grembo, riluce il coraggio del mondo, quel dire sì, sempre sì all’esistenza, come vitalità, esuberanza d’essere, progettualità mai sopita, fragilità mai doma. Nel custodire il segno fragile del nostro stare al mondo, la donna si coglie, e ci coglie, come viandanti che seguono tracciati unici, irripetibili, straordinari, anche - forse soprattutto - nel dolore che, non di rado, contrassegna il nostro vivere malcerto.

E’ la donna che ci ricorda che siamo tutto corpo, la nostra componente più corruttibile, più esposta, più vulnerabile e, per questo, più sacra.

31 marzo 2015

Pesce d'aprile a Cantù

Svetta un pesce rosso enorme. Vera opera d'arte. Altro che Croce albero divelta.
QUI IL CORAGGIO DI UNA DONNA.
Perchè..................
Nel simbolismo del pesce sono racchiusi il potere sacro degli abissi e le reciprocità di vita e morte, non a caso nella spiritualità degli uomini primitivi il pesce rappresentava la riproduzione e la morte, l'uccisione e la distruzione, la vita che si rinnova e si conserva. La simbologia del pesce rinvia anche ad un salvatore: in greco le iniziali di "Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore" formano la parola greca ichtys, cioè "pesce". Da ultimo, l'atto del pescare simboleggia sia il cercare le anime sia il cercare dentro l'anima, cioè estrarre il tesoro di saggezza dal mare dell'ignoto.

Cari amici e cari giornalisti, ecco un vero pesce ...........
Chiedo a Silvia Cattaneo e al quotidiano "La Provincia" di Como, di non voler strumentalizzare il gesto ora ricordato in quanto all'epoca USATO già per articolo e relativa maggiore vendita di copie.Abbiate pietà,  il pesce era di carta , almeno gli animalisti non se la prendano ora con me. NESSUN MORTO

27 marzo 2015

Mostra pasquale - Le mie opere nella Basilica di Galliano a Cantù - Como

"Grande Madre terra fonte di vita." 
Via San Vincenzo - Cantù Co

La donna è la prima fonte di Cibo.

Come la Grande Madre Terra genera e custodisce, così la donna si fa gratuitamente terra da abitare, dono di sé, affinché la creazione si perpetui. La donna è inizio generativo, possibilità sempre aperta ai molteplici segni del mondo, custode paziente dell’inquietudine, icona della relazione. In lei si radica da sempre il vivo senso della cura, della feconda tenerezza con cui ospita volti e cose, della dolorosa pazienza con cui attende vita e ridona vita. Nella pienezza del grembo, riluce il coraggio del mondo, quel dire sì, sempre sì all’esistenza, come vitalità, esuberanza d’essere, progettualità mai sopita, fragilità mai doma. Nel custodire il segno fragile del nostro stare al mondo, la donna  si coglie, e ci coglie, come viandanti che seguono tracciati unici, irripetibili, straordinari, anche - forse soprattutto - nel dolore che, non di rado, contrassegna il nostro vivere malcerto.
E’ la donna che ci ricorda che siamo tutto corpo, la nostra componente più corruttibile, più esposta, più vulnerabile e, per questo, più sacra.
Ringrazio per l'ospitalità il Parroco Don Fidelmo Xodo.


 






23 marzo 2015







Giornata di grande afflusso. Ho dato molto. Grazie.
L’arte deve esprimere un mondo, intercettare l’umano in tutto ciò che ha di abissale, inquieto, magmatico. Quando diventa mero assemblaggio di oggetti disincarnati, oblio del simbolico, riproduzione disincarnata dell’esistente, diventa pratica disumanizzante, quindi inautentica, incapace di veicolare visioni del mondo e nuovi ordini di significato. Nell’arte deve radicarsi tutto ciò che è umano e umanizzante: biografie, storie, narrazioni culturali, progetti iniziati, naufragati o realizzati, insomma ciò che fa di ogni uomo un essere straordinario, poiché irripetibile.


20 marzo 2015

INVITO. Domenica 22 marzo - Borgo di Galliano a Cantù. Con preghiera........


Con RISPETTO espongo le mie opere.
Il  MISTERO del Silenzio fra Fede e realtà. "Mabilla Mater Dulcissima".
GIORANTA del FAI. Domenica nel Borgo di Galliano, fra Basilica e Parco Foppa Pedretti ci sarnno le mie opere.
Orario dalle 10 alle 12 e 30 e dalle 14 e 30 alle 17.
Vi aspetto numerosi.
Ringrazio il Fai Sez di Cantù ed anche l'AUDI.

13 marzo 2015

NEWS FAI Cantù Basilica Galliano e parco Foppa Pedretti per la "Giornata Primavera"

Vi aspetto il g.22 - Giornata primavera del Fai - Delegazione di Cantù - Como - Basilica di Galliano e Parco Foppa Pedretti.

Sto realizzando una performance a sorpresa in cui la Sacralità della donna "Mater dulcissima" andrà ad intrecciarsi con la mia arte in una installazione vivente, Ermanno Stea darà vita alla magia.

"I PASSI DEL SILENZIO" amplificano l'arte.
E' il trionfo della fede, del prodigioso. Maghe, spiritelli, silfidi e gnomi, fate, sirene e ninfe sono la popolazione fantastica anche delle favole del nostro paese. 
A passo lento e silente sono arrivati qui dai loro "Dolci paesi..... laggiù, laggiù dove sempre fioriscono i limoni...", come, sognando, cantava lo stesso Goethe. 
Ho chiesto loro di manifestarsi solo per voi, solo per un giorno, in fruscii, vibrazioni,
immagini evanescenti, in prodigiosa levità.
Ecco il mio sogno più grande: riuscire, nel silenzio, a rendere visibile, nella mia opera, questo mondo magico. Tradurre in forme e colori percezioni, sensazioni, emozioni! 
Angiola Tremonti è accompagnata da testi critici di Gillo Dorfles e tantissimi altri. www.angiolatremonti.com
Ringrazio per volermi sostenere , ospitare e dare spazio. Vi aspetto.




10 marzo 2015

3 marzo 2015

Dove stanno i cretini???? Salute e civiltà. Sesso, vandalismo e cura.

Ogni tanto una riflessione. In Burkina Faso cercano di curarsi come possono ed il cartello la racconta GIUSTA.
Lì si muore per il morbillo.
Nei nostri paesi civili abbiamo tempo anche per queste stupide idee.
Due messaggi di cartellonistica che nascono dalle esigenze esistenziali.
Allora chi sono i CRETINI???????



24 febbraio 2015

Il Sindaco è responsabile della salute e della sicurezza. Bizzozero dove era, a cucinare?

 

Ecco il testo. Bizzozero dove era?????

Cantù, 13 settembre 2011
Al Protocollo

Al Sindaco Tiaizana Sala
E per conoscenza
Al Preseidente del Consiglio Davide Frigerio
Agli Assessori Tutti
Ai Consiglieri Tutti
INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA.
OGGETTO: problematiche dei disabili, barriere architettoniche ed incidente avvenuto al Consigliere Aldo Stoppani con relativa risposta dell’Assessore Lapenna apparsa su “Il giornale di Cantù” in data 3 settembre e virgolettata.

Ho atteso ad inviare questo testo nella speranza che la lista di cui fa parte in Consigliere Aldo Stoppani si muovesse. Ad oggi nessun segnale di documentazione ufficiale.
Personalmente ho massimo rispetto per tutte le creature, animali compresi, soprattutto per i disabili.
Aldo Stoppani è persona che dal 1994 conduce una vita esemplare nonostante la disgrazia che lo ha costretto in sedia a rotelle.
La sua presenza in città emana anche sicurezza, lo si incontra spesso per le vie della città, attento ai bisogni di tutti, come dovrebbero fare tutti i Consiglieri Comunali.
A Cantù, come in tantissime città, le barriere architettoniche purtroppo esistono ancora.
Aldo Stoppani, da sempre vive in Via Rencati, una via complatamente priva di marciapiede.
Aldo Stoppani, in pieno centro è “finito in una buca” con la sua carrozzina e non viaggiava in contromano.
L’Assessore Andrea Lapenna così redarguisce a mezzo stampa il Consigliere Stoppani:
..Transitare sulle strade con una carrozzina non omologata alla circolazione, va contro il regolamento stradale. Questi tipi di mezzi dovrebbero circolare sui marciapiedi e nelle zone pedonali, non sulle strade e tantomeno in punti pericolosi o in contromano. Spesso però queso non succede, creando situazioni di pericolo e mettendo a rischio la vita di automobilisti e motociclisti………”
Forse un buon silenzio sarebbe stato accettabile ma la spocchiosità dell’Assessore non ha limiti.
Lapenna dovrebbe prima di tutto capire e poi risolvere evitando di emarginare ed offendere.
Forse si dimentica che noi gli paghiamo uno stipendio ed a noi deve rispetto.

Domanda
1 A Lei , che è il nostro Sindaco ed anche responsabile della salute dei cittadini, a Lei che è Assessore ai Servizi Sociali, è mai passata per la testa l’idea di dare spazio alle innumerevoli richieste che le giungono al fine di sistemare questa città ? Quali azioni ha intrapreso dall’inizio del suo mandato ad oggi.
2 Mancano i marciapiedi, il 40 % delle strade ne sono prive oppure sono stretti o inagibili, questo non solo per le sedie a rotelle dei disabili ma anche per le carrozzine, per gli anziani. Quali azione intende intraprendere???

3 L’ingente esborso di denaro da Lei approvato per una sistemazione continua di una Piazza rifatta, stravolta e rimaneggiata mai voluta (le ricordo la raccolta delle mie 4.000 firme contro il rifacimento) stride con la mancanza di attenzione per queste problematiche, quando verranno riasfaltate le strade della città?
4 Quante denunce sono state presentate dai cittadini per danni alle persone e ai mezzi a causa della pessima manutenzione ( Avvocati ecccc) e quanto dovremo rimborsare?.
In fonodo quell’Assessorese l’ha scelto Lei, forse potrebbe intervenire????????
5 Un’ultima domanda, mi può indicare quale legge del codice della strada vieta ai disabili di utilizzare la strada in caso di mancanza di marciapiede o nel caso in cui il marciapiede e la strada risultino impercorribili in quanto ricoperte di buche????????????
6 in base a quale normativa una sedia a rotelle viene considerata omologabile??????
7 le chiedo, perché far perdere tempo all’operoso assessore Lapenna, quando, per avere i parcheggi bleu gratis per i disabili…….. basta una sua ordinanza????
Visto che questa Giunta è in una grave situazione di negligenza, visto che il Sindaco può fare una ordinanza, perché non la emette subito come ha fatto il sindaco di Verbania? E di molti altri comuni????????
Legga un po’ qui……”Il diritto alla mobilità, sancito dalla Costituzione deve essere protetto e garantito soprattutto nei confronti delle persone disabili, in quanto costituisce una condizione essenziale per la loro integrazione sociale - spiega Valducci -; tale principio generale trova rispondenza in diverse previsioni del nuovo Codice della strada e del relativo regolamento di attuazione, volte a facilitare la mobilità delle persone disabili"………
Quando farà anche Lei questa ordinanza, tocca a Lei e non a Lapenna.
8 Come intende risolvere l’incrocio fra Piazza San Rocco e Via Milano visto che il marciapiede non è sufficientemente largo neppure per un passeggino??????
9 Mi vuole infine dire perché quando vengono realizzati palazzi come quello in Piazza degli Alpini si lascia costruire fin sulla strada ed addirittura viene eretto un muro che blocca il marciapiede pur essendoci i portici??????

Le evidenzio che non sono domande pleonastiche ma chiare e propositive.
La ringrazio ed attendo una puntuale risposta, per favore punto per punto. Sono 9.
Approfitto per manifestare pubblicamente la mia solidarietà ad Aldo Stoppani e a tutti i disabili di Cantù. Spero di sbagliare ma sento che c’è nell’aria troppo astio politico a cui si aggiunge il malcontento dei cittadini, tutto questo porta a far emergere i distinguo fra coloro che si adoperano per il bene pubblico, coloro che fanno finta e parlano soltanto e coloro che, forse per ignoranza, sono offuscati da un potere così transitorio.
Il rispetto della persona è alla basa del vivere insieme.
Quando il Signor Lapenna, così come alcuni altri Assessori, mi incontrano, ricordo loro che devono fare un cenno di saluto, non solo a me ma a tutti i cittadini, sono loro a mantenerli in nomina ed economicamente.
Ho scritto di corsa. Spero siano chiari i concetti. Resto a disposizione. Attendo risposta.

A tutti un cordiale saluto.