31 ottobre 2014

Ve lo avevo detto che il cielo è variabile. Sereno giorno.



"Le stelle sono senza cielo" per caso hai letto?????

E lei lo amava – e tanto – anche per quello. Niente scene, niente maschere, niente ipocrisie… Un uomo e sua figlia, spalla a spalla di fronte alle onde. La mareggiata sarebbe passata e li avrebbe trovati ancora lì. Un legame che niente – nemmeno quell’incidente o come cavolo si poteva chiamare la situazione in cui Monica si era cacciata – avrebbe potuto spezzare, né incrinare. Era questo il legame che desiderava per il figlio che aveva dentro. Il legame che deve esserci fra un genitore e un figlio, mai viziato da compromessi… questa era la sua esperienza e questo avrebbe cercato di trasmettere al piccolo uomo che sarebbe nato. Se esistono genitori così, forse, avere un figlio non è così dura come sembra. Forse.
Si erano stretti a lungo, dando tempo all’emozione e alla tensione di sciogliersi naturalmente e di lasciarli entrambi con gli occhi rossi, il naso che colava e un fazzoletto di carta intriso di lacrime tra le mani.

Passata la tempesta, poi, avevano parlato, come avevano fatto tante altre volte. Riuscendo a scherzare e a rimanere seri nello stesso momento. Una cosa che le riusciva solo con suo padre. Il suo interesse, il suo benessere era la cosa più importante per lui – e Monica sapeva bene che era cos

Nessun commento:

Posta un commento