5 novembre 2012

IL PRIMO UOVO non si scorda mai.........

PENSAVO............... è IL PRIMO UOVO????

Abitiamo un mondo in cui il futuro, da fecondo luogo di realizzazione dei propri progetti, è diventato terra inospitale; in cui le idee non si alimentano, gli scenari non vengono abitati, gli affetti non si radicano; in cui si vale solo per ció che si produce, si esibisce, si consuma.
Ebbene, questo mondo, privo di un centro, una destinazione etica , esistenziale, culturale, necessita quanto mai di un balzo dell’anima, di uno scatto della coscienza, dell’urlo dirompente, liberatorio, liberante, della donna.
Occorre veramente dare alla donna-uovo non solo valenza pseudo simbolica di fecondità, creatività, inizialità, ma sostanza civile, valore etico, forza esistenziale, progettualità comunitaria.
Dare forza d’azione alla donna significa:
- recuperare la fragilità, la tenerezza, la custodia paziente del progetto, la civiltà dell’empatia , del dono, della condivisione;
- recuperare la bellezza come sintesi di etica ed estetica: armonia, proporzione, equa relazione tra le parti. In una parola,  giustizia!
Infatti, c’è giustizia solo dove un autentico riorientamento culturale produce visioni del mondo in cui il bene e il male, ancora prima che essere conosciuti, vengano sentiti.
E chi piú della donna, colpita, offesa, lacerata nel corpo e nei vissuti, puó esibire calde temperature emotive e affettive?
Il femminino  salverà il mondo!
Angiola Tremonti

1 commento:

  1. Abbiamo già letto, sentito e confermiamo che le donne se ne fregano. Non preoccuparti l'adesione l'avrai solo se qualcuno si metterà con le gambe lunghe e le labbra a canotto in vista.

    RispondiElimina